sperimentazione animale

La prima volta della Cina

Cosmetici cruelty free anche in Cina. Grazie a una borsa di studio istituita da Peta, presto saranno introdotti anche in Cina i test senza animali.
7 giugno 2012 - redazione
Fonte: Biofach - OrganicNews

Peta cruelty free Dovrebbe entrare in vigore entro il prossimo autunno il nuovo protocollo che non prevede sperimentazione animale nei test sulla potenziale tossicità di prodotti chimici esposti alla luce solare.
Il governo cinese, infatti, richiede che i prodotti di bellezza venduti in nel proprio Paese siano sperimentati sugli animali. Aziende come Avon o Estée Lauder si sono così trovate inserite nella lista nera delle aziende che testano sugli animali, anche se da tempo impegnate in Europa e negli Stati Uniti a promuovere cosmetici cruelty free. PETA ha così concesso una borsa di studio agli scienziati dell'Istituto per le scienze in vitro, che si sono più volte recati in Cina per aiutare i cinesi a introdurre metodi alternativi alla sperimentazione animale, convincendo anche le autorità cinesi.
Nella sua ricerca di alternative, Peta ha speso oltre 1 milione di dollari da donazioni per arrivare per sviluppare metodi che non utilizzano la sperimentazione animale.

chi siamo

chi siamo

invia articolo

segnala un articolo o un evento

pubblicità

per la pubblicità su questo sito

promuovere i propri prodotti e servizi su Veg'zine.it

contattaci

contattaci

site map

site map

Privacy Policy

Powered by PhPeace 2.4.1.62