alimentazione

E ora tocca a frutta e verdura

La fobia del cibo che uccide questa volta non ha risparmiato frutta e verdura: l’Arabia Saudita ha bloccato a fini “preventivi” l’importazione di verdure provenienti dall’Unione Europea.
9 giugno 2011
Fonte: ICE

Escherichia coli Come conseguenza della diffusione nell’UE del batterio Escherichia, il Sottosegretario del Ministero dell’Agricoltura saudita Ing. Jaber Al-Shehri ha annunciato ieri la decisione del Governo di bloccare l’importazione, a fini “preventivi”, delle verdure provenienti dall’Unione Europea.
Lo stesso Sottosegretario ha anche dichiarato che, almeno fino a ieri, non si è registrato alcun caso di contagio nel Regno.
Secondo la stessa fonte, la decisione presa dal Ministero dovrebbe essere temporanea fintanto non sarà chiarita la situazione nei Paesi Europei.
Per rassicurare il consumatore saudita, il Sottosegretario ha affermato che le importazioni di verdure dall’Unione Europea ammontano a circa 300 tonnellate l’anno e che la produzione locale copre circa l’85% del fabbisogno nazionale.
L’Arabia Saudita, per sopperire alla mancanza di quelle verdure di origine Europea, si rivolgerà a mercati del Medio Oriente, tipo Giordania, Siria, Turchia ed Egitto, non colpiti dal batterio killer.

chi siamo

chi siamo

invia articolo

segnala un articolo o un evento

pubblicità

per la pubblicità su questo sito

promuovere i propri prodotti e servizi su Veg'zine.it

contattaci

contattaci

site map

site map

Privacy Policy

Powered by PhPeace 2.4.1.62