Ancora un premio a Pietro Leeman

Il Mauri Lab premia Pietro Leeman come l'ambasciatore della wellness cucina nel mondo
7 febbraio 2008
Fonte: Notiziario Marketpress

Apprezzato anche dai critici più esigenti per la sua raffinata creatività, lo chef Pietro Leeman è stato insignito del Premio Mauri Wellness Cucina 2008 in occasione del Congresso Identità Golose. Il suo Joia è stato il primo ristorante vegetariano in Europa ad essere insignito di una stella Michelin. È ritenuto uno degli chef più innovatori e creativi a livello internazionale. Nel suo background si fondono la grande cucina italiana, quella francese, ma anche la cura e l’armonia di quelle orientali. Si tratta naturalmente di Pietro Leeman, chef di origini svizzere ma milanese di adozione, che si è aggiudicato il Premio Mauri Wellness Cucina 2008 “grazie alla sua visione della cucina e del cucinare che trascende la semplice arte della preparazione e diviene un’esperienza totalizzante, che mette in gioco tutti i sensi, dove la cucina diventa arte dell’ospitalità, piacere nell’esprimere la propria personalità, creatività e gioco”. A lui, infatti gli esperti del Mauri Lab, il primo osservatorio/laboratorio internazionale che rileva tutte le novità e gli stili di vita nell’ambito della cucina di casa e della preparazione dei piatti, hanno deciso di assegnare la prima edizione del premio Mauri Wellness Cucina, ritenendolo il vero ambasciatore di questo nuovo stile di vita che sta emergendo a livello internazionale, dove la cucina da semplice “stanza” diventa lo spazio centrale, più trendy e innovativo della casa e la preparazione dei piatti il momento più ricercato e in grado di regalare relax e benessere. “Uno dei grandi meriti degli Chef è stato ed è quello di far reinnamorare le persone dell’arte del cucinare, trasformando lo stare ai fornelli da un’attività strettamente funzionale e necessaria, ad un piacere – sottolinea Nicoletta Merlo, Amministratore Delegato della Emilio Mauri Spa -. Non solo, la grande attenzione agli ingredienti, così come al luogo dove questi si trasformano in pietanze, ha contribuito alla nascita e al diffondersi del trend della Wellness Cucina, dove lo “spazio cucina”, la preparazione dei piatti, così come la stessa spesa, per arrivare alla tavola, diventano parte di un’unica esperienza, per certi versi persino terapeutica, in cui tirare fuori la propria personalità, il proprio carattere e la propria creatività. E Pietro Leeman non solo è un grande chef, ma riesce ad interpretare e promuovere questa vera e propria filosofia. Ecco perché la scelta tra tante prestigiose firme dell’alta cucina è caduta proprio su di lui”. Nell’ambito di Identità Golose allo chef è stato consegnato il premio: un pregiato tagliere in noce nazionale, con inserti in mogano, con una targa d’argento che lo insignisce del ruolo di Ambasciatore della Wellness Cucina. Pietro Leeman, insomma, è stato considerato dagli esperti del Mauri Lab, come il più importante promotore di questo stile di vita in cui la preparazione dei piatti diventa un’esperienza multisensoriale, dove oltre al gusto e alla qualità delle pietanze si fondono e si armonizzano elementi come la musica, il design e l’arredamento, le luci, i colori e i profumi, trasformandosi in un esperienza totalizzante. Elementi presenti per altro nella filosofia di Leeman, come lo stesso chef spiega sul proprio sito (www. Joia. It). Secondo Leeman, infatti, la grande cucina è una delle arti più complete, dove tutti i sensi sono messi in gioco: vista, udito, tatto, gusto e olfatto. Non solo, assieme all’arte dell’ospitalità si crea un ambiente dove si offre la propria espressione e dove l’ospite può sperimentarsi in piacevoli emozioni, accompagnandosi con un buon vino e una buona compagnia.

chi siamo

chi siamo

invia articolo

segnala un articolo o un evento

pubblicità

per la pubblicità su questo sito

promuovere i propri prodotti e servizi su Veg'zine.it

contattaci

contattaci

site map

site map

Privacy Policy

Powered by PhPeace 2.4.1.62