Una paladina per i vegetariani

Proposta di legge di Carla Rocchi, deputata della 'Margherita', per rivoluzionare i menu
Fonte: giornale di calabria

Da Gandhi all'ex ministro della Salute, Umberto Veronesi, passando per Pitagora, Filosseno di Mabbug e il movimento religioso del secolo XI dei perfetti catari fino a Leonardo da Vinci e al premio Nobel per la medicina Renato Dulbecco.
Non manca certo di citazioni illustri la proposta di legge della deputata Carla Rocchi (Margherita) per garantire l'opzione vegetariana nelle mense e nei luoghi di ristoro pubblici e privati.

"In Italia i vegetariani sono diverse centinaia di migliaia: un piccolo esercito in costante crescita profondamente discriminato che non gode, a tavola, di alcun diritto -si legge nella relazione introduttiva della parlamentare della Margherita-Vengono infatti trattati ancora come stravaganti e folcloristici individui che si privano delle gioie del palato, delle delizie della carne. Insomma una sorta di masochisti un po' folli."

Alla base della proposta motivazioni di ordine etico, che tutelano la salute e che contribuiscono a sconfiggere la fame nel mondo.
"Gli animali sono vostri fratelli e sorelle dice Cristo nei Vangeli -prosegue l'accorata relazione della Rocchi- ma esclusi gli animali di mare (più di quattro milioni di quintali di pesci pescati ogni anno in Italia), le cifre del gran macello italico annuale si aggirano sul mezzo miliardo di animali, e per di più 'dopati' durante l'allevamento.

A causa delle sostanze somministrate agli animali in vita, la carne contiene estrogeni, tra i quali il dietilstiberolo che e' cancerogeno, cortisone, antibiotici, sulfamidici, antitiroidei, vaccini, anemizzanti, tranquillanti e ormoni vari che in un mese di trattamento, sono capaci di fare aumentare il peso di un vitello da duecento chili di altri 30-40 chili. Se fossimo tutti vegetariani non soltanto saremmo meno esposti al cancro e alle cardiopatie come hanno dimostrato gli studi di illustri scienziati, ma nessuno sarebbe costretto a morire di fame nel mondo: il 20 per cento della popolazione mondiale puo' concedersi il lusso di mangiare carne perche' il restante 80 per cento patisce la fame e 'rinuncia' alle risorse della terra che vengono destinate al bestiame".

Note

giornaledicalabria.it

chi siamo

chi siamo

invia articolo

segnala un articolo o un evento

pubblicità

per la pubblicità su questo sito

promuovere i propri prodotti e servizi su Veg'zine.it

contattaci

contattaci

site map

site map

Privacy Policy

Powered by PhPeace 2.4.1.62